Pubblicato da: CR | 23 febbraio 2009

note semiserie sulla manifestazione contro il “pacchetto sicurezza”

Mario mi scrive da Milano:

Ti ragguaglio sulla manifestazione di sabato, tanta gente tantissimi immigrati (la rappresentanza fiom di Brescia era praticamente solo di immigrati africani, da chi portava lo striscione alle masse che seguivano. Il nostro contingente di reduci CUB Honeywell era di ben 8 persone e quasi tutti (almeno 6) ancora combattenti anche se sotto varie bandiere dal PD (fronda interna) a Rifondazione (ex), attraverso le associazioni per i senza lavoro anziani fino alla guerriglia autonoma per la pensione (forma di lotta, per ora incruenta, lettere di insulti ai ministri, ex ministri e segretari generali dei ministeri competenti). Un panorama ancora disaggregato ma incoraggiante (io sono molto ottimista). La disaggregazione si vede anche in piazza, perchè a parte i sorrisi e gli applausi, tra immigrati e auctoctoni si parla poco: si comunica solo tramite gli obiettivi politici (il che certo non è male), e solo con quelli che ci sono, perchè ad esempio ci sono i lavoratori africani di Brescia ma non i nord africani musulmani che sembrano partecipare poco alle attività sindacali.
Comunque una buona giornata, in tono minore perchè si continua a manifestare solo contro e mai per qualcosa, ma non appena avremo il volantino da distribuire le cose cambieranno (vedi sopra alla voce ottimismo).

Annunci

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: